.
Annunci online

  liberalemani [ il blog di Diego Lanza ]
         

Dai diamanti non nasce niente
dal letame nascono i fior...
F
abrizio De Andrè

Di tutto ciò di cui
non possiamo parlare,
dobbiamo tacere...

Wittgenstein

“Un brindisi a voi uomini e fiere e uccelli, per questa notte solitaria nella foresta! Un brindisi per l’oscurità e il mormorio di Dio tra gli alberi, per la dolce e semplice melodia del silenzio nelle mie orecchie, per le foglie verdi e per le foglie gialle! Un brindisi per il suono della vita che ascolto, un muso che soffia contro l’erba, un cane che fiuta la terra! (…) Un grazie per la notte solitaria, per i monti, per il rumore del buio e del mare che mormora dentro il mio cuore! Un grazie per la mia vita, per il mio respiro, per la grazia di vivere questa notte, un ringraziamento con tutto il mio cuore. Ascolta ad oriente e ascolta ad occidente, oh ascolta. E’ Dio l’eterno! La quiete che sento nelle mie orecchie è il sangue che ribolle, Dio che tesse la trama del mondo e di me stesso”.
(Knut Hamsun)


Mails:
leaderone1@excite.it
diegolanza@libero.it

Home LIUC



"Ebbi ben presto abbastanza
 chiaro che il mio lavoro
 doveva camminare su due
 binari: l'ansia per una
 giustizia sociale che ancora
 non esiste e l'illusione
 di poter partecipare,
 in qualche modo,
 a un cambiamento del mondo.
 La seconda si è sbriciolata
 ben presto, la prima rimane".

 Fabrizio De Andrè


- Top Movie -

La stangata
Il grande Lebowsky
L'attimo fuggente
C'era una volta in America
Fratelli
Santa Maradona
Viaggio senza ritorno
Good Morning Vietnam!
Nuovo Cinema Paradiso
Mediterraneo
Smoke
I ragazzi della 56° srada
Compagni di scuola
Il grande freddo
Fuga per la vittoria
Cotton Club
Hair
I tre giorni del condor
Nel nome del padre
La voce della luna
Quei bravi ragazzi
Pulp fiction
La grande fuga
Il buono,il brutto,il cattivo
Gli spietati
La stanza del figlio
America oggi
Magnolia
Caro diario
Milion dollar baby
The milion dollar hotel
Fratello dove sei?
L'uomo che non c'era
Fargo
Leaving Las Vegas
Il cacciatore
King of New York
Marrakech Express
Fuga di mezzanotte
Palookaville
L'estate di Kikujiro
Sonatine
Crocevia della morte
2001 odissea nello spazio
Arancia Meccanica
........!!



"Recuperarono le reti i pescatori
piene di spazzatura
ed umiliati si ritirarono
alla montagna dal mare
alla montagna dal mare
E avvicinarono la fiamma alla foresta
fino a vederla bruciare
così ho visto altri uomini fare
e fare segno di tacere
fino a vederla bruciare
Ma io sì che mi sono tuffato
in un campo di pallone
da un palo all'altro ho volato
per afferrare un pallone
e le ginocchia di rosso ho colorato
E quanto al mio povero nome
in quali alberghi l'ho lasciato
E quante notti l'ho sentito chiamare
prima ancora che il vento cominciasse a soffiare
prima ancora che il vento cominciasse a soffiare
Recuperarono le reti i pescatori
e si sentiva cantare un canto
erano acqua le parole
era triste quel canto
e ritornavano dal centro della terra
io così ho sognato di loro
portatori di luce ed inventori
e cercatori d'oro.
Ma io sì che mi sono lanciato
da un punto all'altro di un amore
più di una volta ho volato
per inseguire una amore
e le mie notti di bianco ho colorato
e quanto al mio povero cuore
in quali alberghi l'ho lasciato
e quante notti l'ho sentito gridare
prima ancora che il vento cominciasse a soffiare
prima ancora che il vento cominciasse a soffiare.
Recuperarono le reti i pescatori
dal profondo del mare
MiraMare 19.4.89



La storia siamo noi nessuno si senta offeso
siamo noi questo prato di aghi sotto al cielo
la Storia siamo noi attenzione nessuno si senta escluso,

La storia siamo noi
siamo noi queste onde nel mare
questo rumore che rompe il silenzio
questo silenzio così difficile da masticare
e poi ti dicono tutti sono uguali
tutti rubano alla stessa maniera
ma è solo un modo per convincerti
a restare in casa quando viene la sera,
però la storia non si ferma davvero davanti ad un portone
la storia entra dentro le nostre stanze e le brucia
la storia dà torto dà ragione
La storia siamo noi
siamo noi che scriviamo le lettere
siamo noi che abbiamo tutto da vincere,
tutto da perdere

Poi la gente perchè è la gente che fa la storia
quando è il momento di scegliere e di andare
te la ritrovi tutta con gli occhi aperti
che sanno benissimo cosa fare
quelli che hanno letto un milione di libri
e quelli che non sanno nemmeno parlare
è per questo che la storia dà i brividi
e nessuno la può cambiare
la storia siamo noi
siamo noi padri e figli
siamo noi bella ciao che partiamo
la storia non ha nascondigli
la storia non passa la mano
la storia siamo noi
siamo noi questo piatto di grano.




22.06.2006 L'immagine più bella.


Magritte Rene - La Chateau des Pyrenees

Rene Magritte- Le château des Pyrénées



locandina del film IL BUONO, IL BRUTTO, IL CATTIVOlocandina del film C'ERA UNA VOLTA IN AMERICA

locandina del film C'ERA UNA VOLTA IL WEST

"Gas" (1940) - E.Hopper

"Serata a Cape Cod" (1967) - E.Hopper



12 novembre 2005

Pensiero del 12 Novembre

Rendiamo un solenne ricordo ai nostri cari caduti a nassyria, con la consapevolezza e la speranza che l'iniziativa mossa a ritenere questo giorno commemorativo non sia la solita e indecente strumentalizzazione, piatto forte per le squallide diatribe tra fazioni!!  




permalink | inviato da il 12/11/2005 alle 13:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa



9 novembre 2005

Onore a Bertoli..poeta solitario

E ADESSO CHE FARO' NON SO CHE DIRE FA FREDDO COME QUANDO STAVO SOLO HO SEMPRE SCRITTO I VERSI CON LA PENNA NON HO ORDINI PRECISI DI LAVORO HO   
SEMPRE ODIATO I PORCI ED I RUFFIANI E QUELLI CHE RUBAVANO      
UN SALARIO FALSI CHE SI FANNO UNA CARRIERA CON CERTE     
PRESTAZIONI FUORI ORARIO CANTERO' LE MIE CANZONI PER LA STRADA ED AFFRONTERO' LA VITA A MUSO DURO UN GUERRIERO      
SENZA PATRIA E SENZA SPADA CON UN PIEDE NEL PASSATO E  LO SGUARDO DRITTO E APERTO NEL FUTURO HO SPESO QUATTRO SECOLI        
DI VITA E HO FATTO MILLE VIAGGI NEI DESERTI PERCHE'
VOLEVO DIRE CIO' CHE PENSO VOLEVO ANDARE AVANTI AD OCCHI
APERTI ADESSO DOVREI FARE LE CANZONI CON I DOSAGGI
ESATTI DEGLI ESPERTI MAGARI POI VESTIRMI COME UN FESSO PER
FARE IL DEFICENTE NEI CONCERTI CANTERO' LE MIE CANZONI
PER LA STRADA ED AFFRONTERO' LA VITA A MUSO DURO UN
GUERRIERO SENZA PATRIA E SENZA SPADA CON UN PIEDE NEL
PASSATO E LO SGUARDO DRITTO E APERTO NEL FUTURO
NON SO SE SONO STATO MAI POETA E NON M'IMPORTA NIENTE DI SAPERLO
RIEMPIRO' I BICCHIERI DEL MIO VINO NON SO COM' E' PERO'
V'INVITO A BERLO E LE MASTURBAZIONI CEREBRALI LE LASCIO
A CHI E' MATURO AL PUNTO GIUSTO LE MIE CANZONI VOGLIO
RACCONTARLE A CHI SA MASTURBARSI PER IL GUSTO CANTERO' LE
MIE CANZONI PER LA STRADA ED AFFRONTERO' LA VITA A MUSO
DURO UN GUERRIERO SENZA PATRIA E SENZA SPADA CON UN PIEDE NEL
PASSATO E LO SGUARDO DRITTO E APERTO NEL FUTURO E NON
SO SE AVRO' GLI AMICI A FARMI IL CORO O SE AVRO' SOLTANTO
VOLTI SCONOSCIUTI CANTERO' LE MIE CANZONI A TUTTI LORO E
ALLA FINE DELLA STRADA POTRO' DIRE CHE I MIEI GIORNI LI HO
VISSUTI...

                                                                         A Muso Duro

 




permalink | inviato da il 9/11/2005 alle 0:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa



2 novembre 2005



Ragazzi non mollate !!

Mi è capitato oggi pomeriggio, quasi per caso, che mentre leggevo la gazzetta del Sud odierna, mi sono soffermato su un articolo che mi ha coinvolto per una buona mezz'oretta. Difatti non appena ho smesso di leggere, non ho fatto altro che parlarne col mio "vicino idealista" e ho maturato sin dal primo istante una certezza sul da farsi. Mi riferisco alla vicenda che da mesi tormenta una povera perchè giusta famiglia della provincia di Reggio Calabria; parlo dunque dei loro figli,  di Ernesto e Valentina, che stanno portando avanti una battaglia importante, volta a non soccombere alla prepotenza più violenta che è quella appartenente alla criminalità organizzata calabrese. Il contesto che ci appartiene, che vi appartiene, sembra un vicolo buio, ma non è cieco, ve lo assicuro, occorre soltanto che più di qualcuno accenda la luce. In questo momento, la prima cosa che mi preme dirvi è che vi sono vicino, perchè condivido le vostre scelte, e perchè le vostre scelte sono le mie stesse scelte. Non fermatevi, non piegatevi, non è facile ma è l'unica strada da intraprendere per non rimanere indietro, per non rimanere soli. Prometto anche che non appena potrò, verrò sicuramente a trovarvi, per conoscervi e soprattutto per porvi la mia disponibilità e il mio appoggio, anche solo per una parola qualora ne abbiate voglia. Coraggio!! A presto




permalink | inviato da il 2/11/2005 alle 3:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


sfoglia           
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom